Il sale e il suo uso in cucina

Il Sale usato in cucina.

Il Sale da cucina è composto al 99,9% da cloruro di sodio, vieni trattato e raffinato con un processo industriale,  perdendo così, quasi tutti gli oligo-elementi e le altre sostanze presenti invece nel sale marino Integrale.

peperoncino

peperoncino

Tutti gli alimenti contengono naturalmente una certa quantità di sale, più che sufficente al fabbisogno umano, quindi non sarebbe necessario aggiungere altro sale.

Il nostro gusto è stato alterato da cibi preparati per essere conservati a lungo, che necessitano per la conversazione di una certa quantità di sale, in media del 2,5-2,8 %, come salami e insaccati vari, prosciutti, guanciali ecc.

La stessa cosa succede ai derivati del latte, come i formaggi, che per essere conservati subiscono un processo di salatura e/o immersione in salamoia.

La stessa cosa avviene per la conservazione dei pesci, come acciughe e baccalà e così via.

Per la concia delle olive e dei capperi vengono preparate delle salamoie, di base acqua e sale, viene aggiunto per insaporire, tante salse a base di senape, pomodori, ketchup, peperoni e peperoncini piccanti, estratti di carni e dadi vegetali.

Anche i derivati da cereali e i molti prodotti da forno, come i cracker e le fette biscottate, il pane stesso, hanno una percentuale di sale che può variare dal 1% al 1,5%.

Anche nei dolci oltre allo zucchero o ad altri dolcificanti, si aggiunge sempre un pizzico di sale.

Tutti questi cibi sono straordinari e di nostro gusto, ma per non eccedere di questo antico conservante che è il sale si dovrebbe variare il più possibile le varietà dei cibi consumati, mettendo al primo posto le verdure.

Sarebbe meglio mangiare di tutto, ma in piccole quantità. Nei condimenti, per diminuire il quantitativo di sale, ci si può aiutare col limone, con l’agresto e le tante varietà di aceti, balsamici, normali, bianchi e neri, aromatizzati e non.

Si può anche aromatizzare il sale per condire, con aromi e spezie, mettendo in volume tanto sale e altrettanto erbe o spezie, come sale e origano, sale e basilico, ottimi per condire i pomodori; un ottimo trucchetto, così quando si mette un pizzico di sale, in realtà se ne mette solo la metà.

Il sale si può aromatizzare in tanti modi a seconda dei propri gusti personali. Si possono confezionare sali al peperoncino, il quale può essere miscelato con peperone dolce per ridurne la piccantezza.

Sono molto buoni  i sali confezionati con  le labiate, come il rosmarino, la salvia, la santoreggia, il basilico, il timo, la maggiorana, la lavanda, l’origano, sia separati sia miscelati insieme.

Anche le ombrellifere hanno le loro specie importanti  a tale scopo, con tante varietà, come il coriandolo, il comino, il finocchio, il prezzemolo, il cerfoglio ecc.

Piante odorose e di spezie

Piante odorose e di spezie

Si possono confezionare anche dei sali misti, pronti per  condire carni o pesci, alla griglia o al forno, piccanti e non, con l’aggiunta di aglio, cipolla, porro, qualche foglia di lauro,  foglie di mirto ecc.

Comments

comments